Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
14 maggio 2019
Grandi cose a Fiorano nel fine settimana, nonostante la pioggia e le temperature artiche

È stata una serata magica. Nonostante la pioggia e il freddo non proprio primaverile, domenica sera si è assistito ad un’ottima proposta, offerta gratuitamente al solo fine di fare cultura e con lo scopo di consentire a chiunque di vivere una serata all’insegna dello Spettacolo con la “S” maiuscola, dove, i tempi, la fluidità e l’eleganza, con scioltezza hanno saputo catturare il pubblico per portarlo in dimensioni che solo in certi momenti l’animo umano è in grado di toccare.

L’associazione  InArte, Venerdì 10 maggio, al Centro Via Vittorio Veneto, ha fortemente creduto e voluto realizzare una serata in compagnia di un virtuoso di uno strumento, intitolando la serata, “Per il piacevole gusto della musica” che si intreccia nella rassegna “per il piacevole gusto di…” iniziata il 27 aprile con l’allestimento di una collettiva all’interno del  Centro Via Vittorio Veneto, e che prosegue con una serie di appuntamenti, tra cui l’esibizione del famoso Violinista Gentjan Llukaci.

È stata una serata magica. Sentire come questo artista, di fama mondiale, raccontava del suo amore per il violino, nato fin dall’infanzia per poi svilupparsi nel corso della vita, formandosi alla scuola russa su basi classiche per poi sperimentare tutti i generi, è stata una vera emozione.

Il maestro  GenLlukaci ci ha fatto vibrare sulle ali di una farfalla, per poi condurci per mano in un ideale viaggio che – tra le altre – ci ha accompagnato sulle note di un valzer di Strauss per poi farci comprendere la differenza con un valzer di Casadei, concludendo con un Alleluya che ha commosso tutti i presenti.

Effettivamente si è trattato di una esperienza enormemente toccante, e pensare come un artista, solo col proprio violino, possa riuscire a coinvolgere persone di diversa estrazione sociale, cultura e formazione, attorno ad un percorso emozionale che è andato a toccare le corde più profonde, sembra un fatto assolutamente eccezionale, mentre quando si ha a che fare con persone colte, dotate di un senso profondo dell’armonia e di una professionalità che traspare ad ogni respiro, beh tutto sembra naturale e la spontaneità e la fluidità con cui tutto si è susseguito, ha rapito i presenti che per due ore si sono intrattenuti tra una conversazione, un brano ed un brindisi per vivere momenti irripetibili.

Nel corso del  MaggioFioranese sabato 11 maggio, alle 16.00 presso il Centro Via Vittorio Veneto si è tenuta la conferenza del famoso meteorologo  LucaLombroso che ha spiegato alla cittadinanza la difficile situazione derivante dai cambiamenti climatici. L’assessore Riccardo Amici, dopo aver precisato che la conferenza si stava tenendo presso il Centro Via Vittorio Veneto, date le previsioni di pioggia, per permettere ai tecnici di allestire il Teatro Astoria per il concerto serale di  DavidRiondino, ha presentato l’ospite, mentre nell’antistante porticato erano a disposizione i suoi libri pronti per essere autografati dall’Autore al termine dell’incontro.

Come sempre, quando Fiorano incontra un personaggio televisivo, risponde. Il Centro Via Vittorio Veneto era strabordante di persone. È stato molto bello vedere questa commistione tra opere d’arte e gente proveniente da ogni dove; gli allestimenti presenti hanno fatto da cornice ai cittadini affamati di sapere nel tentativo di comprendere per quale strana ragione, da oltre cent’anni, si sa che estraendo i fossili per immetterli nell’atmosfera si creano cataclismi climatici, e nessuno “dei grandi della terra” abbia ancora fatto qualcosa di tangibile per fermare questo scempio.

Anche questo pomeriggio è stato caratterizzato dalla sinergia tra coloro che volevano saperne di più e gli organizzatori, che secondo le previsioni avrebbero dovuto rimandare l’incontro. Avendo la disponibilità di uno spazio, seppure apparecchiato e occupato da allestimenti a cura dell’associazione InArte fino al 29 maggio, ci si è subito attrezzati ed i tecnici hanno prontamente reso il PC del dott. Lombroso utile a realizzare la conferenza nonostante il freddo e la pioggia. Possiamo dire che la restituzione alla collettività di questo spazio è una grande opportunità che il Paese via via apprezzerà e che la popolazione vivrà, al di là dei falsi perbenismi o delle ipocrisie più becere.

Anche domenica 12 maggio, la pioggia incalzante ha impedito l’allestimento dei celebri banchetti, ha proibito l’apertura dei banchi degli ambulanti della Versilia, le iniziative del “Maggio delle vedute” a cura dell’associazione InArte, per rendere bella la città, bloccando lo svolgersi di tutte le iniziative organizzate per tenersi all’aperto.

Il concerto serale “Il mondo in musica” previsto in Piazza, si è regolarmente svolto al Teatro Astoria. L’Ensemble di musicisti di chiara fama ha accompagnato le voci della Soprano Lucia Conte e del Tenore Alessandro Goldoni in un percorso musicale che ha toccato i più diversi punti della terra, in musica. È stato un momento estremamente intenso quando i piatti della batteria, vibranti sotto le sapienti percussioni del Maestro Stefano Bussoli, ci hanno tenuto qualche minuto col fiato sospeso in attesa di un noto tango; oppure quando il Maestro Denis Biancucci ha fatto impazzire la tastiera per farci ascoltare un honky-tonky che per un attimo ci ha catapultano nel passato; le sapienti mani del Maestro Simone di Benedetto si sono mosse sulle corde del contrabbasso per fare da cornice ad un gruppo musicale che ha saputo regalare momenti di meravigliosa estasi. Infine il magico violino del Maestro Gen Llukaci ha incantato tutti per la varietà di suoni che è riuscito a offrire sia nell’accompagnare le voci liriche, sia nel diventare un tutt’uno con gli altri musicisti. Con la sua nota professionalità ha saputo incollare gli astanti al vibrare delle sue corde, per regalare momenti di vera estasi.

È stata una serata all’insegna della musica d’eccellenza ed ancora una volta il Comitato Fiorano in Festa ha saputo individuare un gruppo di musicisti che sono e rappresentano una certezza, con loro il risultato è garantito. Stupisce che il teatro Astoria non fosse colmo di persone. Rattrista constatare che le classiche bancarelle, come l’offerta gastronomica che caratterizzano anche l’offerta del Maggio Fioranese, unite al bel tempo, siano le uniche attrattive che riescano a tirar fuori di casa la massa, ma nonostante qualche poltrona vuota, la pioggia e il freddo non proprio primaverile, domenica sera si è assistito ad un’ottima proposta, offerta gratuitamente al solo fine di fare cultura e con lo scopo di consentire a chiunque di vivere una serata all’insegna dello Spettacolo con la “S” maiuscola, dove, i tempi, la fluidità e l’eleganza, con scioltezza hanno saputo catturare il pubblico per portarlo in dimensioni che solo in certi momenti l’animo umano è in grado di toccare. Il tutto si è svolto nella massima disponibilità degli Artisti che sollecitati da un bis hanno accontentato i presenti, colti di sorpresa quando dopo un’ora di musica erano ancora desiderosi di percorrere qualche altro passo, per soffermarsi in qualche altra tappa in giro per il pianeta… il concerto è terminato con il desiderio, per chi c’era, di perseguire, e questo è il segnale che si è sulla via giusta per proseguire. Bravi!

Sì, un applauso a tutti per l’ottimo lavoro!


Commenti
Non ci sono commenti.