Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
14 gennaio 2020
Inganni economici

Più volte abbiamo denunciato come alla radice di tutti i problemi che investono la vita di noi tutti c’è un fatto che va a sovvertire valori e assetti della società: il predominio dell’economia sulla politica. Da che mondo è mondo è sempre stata la politica a dare gli indirizzi e a fare le scelte che riguardano la vita dei cittadini. L’economia, per quanto importante, è sempre stata un suo strumento.

 


Quando una situazione non si sblocca o non si riesce a risolvere un problema è utile fermarsi a riconsiderare il tutto. Il perdurare delle difficoltà economiche che stiamo vivendo non può più essere chiamato “crisi” (dal gr. “krisis“=passaggio) che ha accezione di temporaneità. Si tratta piuttosto di una stagnazione, cioè di una situazione destinata a durare in quanto mancano le condizioni per una ripresa.
Ecco allora la necessità di fermarsi a riconsiderare il tutto, che nel caso è l’assetto politico ed economico in cui siamo immersi. Per farlo può essere di aiuto la lettura di un libro, ben scritto e di facile lettura, di una giovane economista, Ilaria Bifarini, dal titolo “Inganni economici”.
Più volte abbiamo denunciato come alla radice di tutti i problemi che investono la vita di noi tutti c’è un fatto che va a sovvertire valori e assetti della società: il predominio dell’economia sulla politica. Da che mondo è mondo è sempre stata la politica a dare gli indirizzi e a fare le scelte che riguardano la vita dei cittadini. L’economia, per quanto importante, è sempre stata un suo strumento.
Invece dal 1989, col dilagare del capitalismo nella sua versione più spinta e priva di remore, l’economia ha preso il sopravvento attraverso un processo insito nel sistema liberal-liberista che pone al centro il denaro e non l’uomo, il mercato e non lo stato. Gli effetti sono devastanti: la sovranità delle nazioni è svuotata in favore di organismi internazionali non elettivi e controllati dai poteri finanziari; la democrazia viene conculcata; la ricchezza concentrata nelle mani di un’oligarchia; il ceto medio sta scomparendo e si procede verso una generalizzata proletarizzazione; il futuro dei giovani è precario.
L’ideologia dominante (Pensiero Unico) si basa su un inganno di fondo che il mainstream mediatico dispensa come una verità assoluta: che l’economia sia una scienza esatta, come la matematica o la fisica. Ma non è così. E Ilaria Bifarini lo dimostra con disarmante semplicità. D’altra parte la verità è sempre semplice.


Commenti
Non ci sono commenti.
685 -374 14 gennaio 2020