Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
07 gennaio 2020
Natale e digiuno

Per i tre giorni che precedono il Natale, la televisione non fa altro che continuare a contemplare come gli italiani si apprestano a vivere e preparare la vigilia ed il pranzo del 25 Dicembre comperando generi alimentari al di là di ogni ragionevole buon senso. I tre giorni successivi invece vengono impiegati a mostrarci come smaltire l’eccesso di calorie ingerite o come riciclare gli avanzi e le cibarie avanzate dopo gli opulenti baccanali. 


Per una volta tanto non fatemi parlare solo di economia visto che ormai abbiamo tutti la nausea a forza di ascoltare giornali e televisione che non parlano altro che di Sardine, MES e paura di un ritorno del fascismo oltre alla manovra finanziaria di fine anno. Non so voi, ma per me il peggior periodo dell’anno è sempre stato il mese che intercorre tra il 7 Dicembre ed il 7 Gennaio ovvero il periodo pre e post natalizio, perchè è associato ad un insieme di circostanze a cui difficilmente si può scappare. Sto parlando del periodo dell’anno in cui le giornate sono più buie, sto parlando delle visite dei parenti, sto parlando della corsa obbligata a comprare e fare i regali, sto parlando delle mega abbuffate tra cene e conviviali con parenti e colleghi di lavoro prima e dopo il 25 Dicembre. Un periodo dell’anno in cui freneticamente e spesso contro voglia bisogna essere disponibili a molti compromessi e momenti di aggregazione sociale forzata.

Certo quando si è bambini invece è il momento più aspettato di tutto l’anno perchè ci sono le vacanze di Natale, i regali da ricevere, i dolci da mangiare e molto spesso anche la neve con cui giocare (almeno per chi vive nelle regioni del settentrione). Alla nausea ci si arriva a forza di abitudine ed imposizione rituale durante il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, in cui per obbligo familiare si deve presenziare al pranzo di Natale con tutto il parentado, in mezzo agli anziani che parlano di malati, morti e persone sofferenti. Come non ricordare il pranzo che inizia alle dodici della mattina e termina alle diciotto del pomeriggio in conclusione della tombola natalizia di famiglia, come non ricordare i nonni che sorseggiano rumorosamente con il cucchiaio la minestra con il brodo di gallina tenendo il piatto inclinato, come non ricordare il panettone ed il pandoro che ti vengono offerti sino allo sfinimento assieme allo zampone, le lenticchie, il manzo lessato e tanto altro ancora.

Per i tre giorni che precedono il Natale, la televisione non fa altro che continuare a contemplare come gli italiani si apprestano a vivere e preparare la vigilia ed il pranzo del 25 Dicembre comperando generi alimentari al di là di ogni ragionevole buon senso. I tre giorni successivi invece vengono impiegati a mostrarci come smaltire l’eccesso di calorie ingerite o come riciclare gli avanzi e le cibarie avanzate dopo gli opulenti baccanali. Vivo in Spagna da tre anni: non è che i cugini spagnoli siano tanto diversi, anche qui il mantra del Natale è “comer, comer y comer”. Sono riuscito a resistere fino a che ho potuto, più che altro per non scontentare mamma e soprattutto papà, e perchè ero stanco di dare ogni anno spiegazioni sul perchè non mangio carne e perchè sono vegetariano (ormai da più di 30 anni) con una tavolata imbandita di ogni sorta di carnagione. Quando ho compiuto trent’anni mi sono sentito come Obama e mi sono detto “Yes I can” e ho posto fine a questi riti tribali che precedono e seguono il Natale, che di spirituale o religioso oggi hanno veramente molto poco.

Da allora il peggior periodo dell’anno fin qualche anno prima è diventato il periodo più atteso e desiderato di ogni anno. Primo, perchè me ne vado in vacanza al sole proprio nelle settimane che anticipano e precedono il Natale. Tentare di parlare con me al telefono diventa quasi impossibile, questo per evitare di fare e ricevere centinaia di telefonate di auguri. Secondo, perchè la vigilia ed il giorno di Natale faccio tutto tranne che starmene seduto a ingozzarmi di cibo a parlare di gossip e patetici argomenti calcistici da bar dello sport. Passo quasi tutta la giornata all’aria aperta, generalmente giocando a golf con altri conoscenti e colleghi che la pensano proprio come me, digiuno quasi tutto il giorno con la consapevolezza che durante il Natale viene gettato nella spazzatura più cibo di qualsiasi altra settimana nel corso dell’anno. Ho anche smesso di mandare sms ed email come andava di moda qualche anno fa visto che ora si posta sulle proprie pagine socials una immagine di Santa Klaus con scritto genericamente “auguri a tutti”. Potrà sembrare un comportamento fuori dal coro ma vi consiglio di provarlo almeno una volta, magari il prossimo anno: è veramente il migliore antistress del mondo. Difficile che non sarete tentati di ripetere l’esperienza l’anno successivo. Come scrisse Leonardo Sciascia, unicuique suum.

www.benetazzo.com

Commenti
Non ci sono commenti.