Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Ambiente - 27 marzo 2014
NUOVI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI IN AREA CA’ MARTA

 

Il Consiglio comunale adotta una variante al POC.

Dall’accordo il Comune riceverà in concessione gratuita di un’area da 65.000 mq.

 

 

Con il voto favorevole di Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia ed il voto contrario del gruppo PD e del Consigliere Franca Cerverizzo (Lista Siamo Sassuolo), il Consiglio comunale di Sassuolo, nella seduta serale di marted’ 25 marzo, ha adottato il piano di intervento, in variante al POC, relativo ad un area compresa tra l’asse viario di via Emilia-Romagna ed il complesso sportivo ‘Cà Marta’ e le vie Regine Pacis ed il Canale di Modena a Sassuolo.

 

L’atto, sul quale sarà possibile presentare osservazioni, da attuazione al Piano Operativo Comunale (POC) adottato nella precedente legislatura. Attraverso l’applicazione dell’articolo 18 è stato raggiunto un accordo con le proprietà, che potranno intervenire sull’area attraverso la realizzazione di attività produttive qualificanti, concedendo gratuitamente all’Amministrazione un area da 65.000 metri quadri di terreno che potranno essere destinati all’insediamento e/o all’ampliamento di dotazioni sportive nell’area di Cà Marta, e di relativo parcheggio. L’interventore di farà carico, oltre che delle realizzazione del parcheggio, anche della sua manutenzione per dieci anni e della realizzazione di una pista ciclabile a servizio dell’area.

 

Critiche all’atto da parte dell’opposizione. Il Capogruppo del PD Susanna Bonettini grida allo ‘Scandalo di fine legislatura’ da parte di “un’Amministrazione che in cinque anni non è riuscita a cambiare il PSC. Pur favorevole all’applicazione dell’articolo 18, il vantaggio per il Comune non esiste, considerando che un parcheggio in area così decentrata non servirà a nessuno”

 

Del medesimo parere il Consigliere PD Sonia Pistoni: “I benefici per la città non ci sono. Prima di costruire nuovi insediamenti sarebbe stato meglio puntare alla riqualificazione degli insediamenti esistenti ed abbandonati”.

 

Ribadisce l’importanza della riqualificazione al posto di nuove realizzazioni anche il Consigliere PD Giuseppe Megale che invita a rinviare il punto in discussione e annuncia la sua non partecipazione al voto.

 

Favorevole il parere del Capogruppo di Forza Italia Ugo Liberi: “Questa operazione, pur in ritardo, doveva essere fatta. Porta a completamento una procedura bloccata nei meandri del vecchio PSC e che oggi trova uno sbocco. Per questo non è spiegabile la contrarietà dimostrata dall’opposizione”

 

Per il Consigliere PD Sandro Morini si tratta di “un atto di forza sotto elezioni sul quale ci riserviamo di presentare delle osservazioni. L’accordo con l’interventore poteva essere condotto su basi diverse. Si è proceduto come se si fosse ancora nel 2007 in tempi totalmente diversi da quelli attuali”

 

Per il Consigliere della lista Siamo Sassuolo Franca Cerverizzo “l’interesse del Comune non è chiaro” mentre il Sindaco sottolinea “l’incoerenza del PD che critica l’Amministrazione sia nel caso in cui limita l’insediamento di nuove attività, sia quando le agevola. Qu si tratta soltanto di porre in condizione chi, pur in questo difficile momento intende investire in nuove attività, di farlo”

 


Commenti
Non ci sono commenti.