Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Ambiente - 25 gennaio 2014
Consegnato rapporto su interventi ai ministri Orlando e Delrio

Allagamenti\8 – tutti  gli interventi di emergenza

il rapporto consegnato ai ministri orlando e delrio

 

Non è ancora possibile effettuare una prima stima dei danni che però si annunciano ingenti per l'estensione dell'area interessata dagli allagamenti, il patrimonio edilizio privato e le attività produttive agricole coinvolte. Intanto  sono stati spesi quasi 15 milioni di euro per gli interventi urgenti di riparazione dell'argine e gli altri interventi idraulici e di soccorso e assistenza ala popolazione, ai quali dovranno aggiungersi, appunto, i danni alle infrastrutture pubbliche, al patrimonio edilizio e alle attività produttive e agricole. Otto comuni interessati dagli allagamenti (Modena, Bastiglia, Bomporto, S.Prospero, Camposanto, Medolla, S.Felice sul Panaro e Finale Emilia) in un'area che si estende per oltre 30 chilometri in linea d'aria. Oltre 1500 persone che si sono rivolte ai Centri operativi comunali e ai Centri di prima accoglienza con 900 che hanno ottenuto assistenza, mentre gli altri, insieme ad migliaia di cittadini, hanno provveduto autonomamente a una sistemazione. Un cittadino disperso durante le operazioni di soccorso. Sono solo alcuni degli elementi contenuti nel rapporto sull'alluvione nel modenese presentato ai ministri Graziano Delrio e Andrea Orlando dal tavolo di coordinamento  nel  corso di un incontro che si è svolto sabato 25 gennaio al Centro unificato di protezione civile alla presenza dei sindaci interessati.

Per fronteggiare l'emergenza sono stati impiegati 176 vigili del fuoco che hanno utilizzato 95 mezzi per 764 interventi di soccorso urgente, spesso in condizioni molto difficili a causa della forte corrente, 9o7 salvataggi di persone e oltre 110 interventi di soccorso e salvataggio con mezzi aerei.

I militari dell'esercito impegnati sono stati 150, mentre i volontari sono saliti  a 900 tra quelli modenesi, dalla regione e da tutto il nord Italia. Volontari che hanno gestito l'impiego di 1550 brandine, tre mila coperte, tre natanti e una piattaforma galleggiante mobile.

Di diversa natura gli interventi coordinati dal Centro unificato di Protezione civile di Marzaglia: nella prima fase dell'emergenza l'allertamento prima e l'evacuazione poi, nei limiti del possibile, del centro di Bastiglia e Bomporto e di diverse frazioni e abitazioni rurali in diversi comuni; l'organizzazione della chiusura della falla e la valutazione tecnico-scientifica per definire gli scenari attesi; il soccorso urgente alle persone rimaste nelle case e l'assistenza alla popolazione e il trasporto in strutture sanitarie di 54 anziani della casa protetta Villa Anna sul canaletto a Modena e dei residenti nel gruppo appartamento disabili di Sorbara; distribuzione di alimenti e generi di prima necessità; organizzazione dell'assistenza sanitaria e veterinaria; realizzazione di arginature in terra e opere di contenimento, oltre alle attività di regimazione idraulica e pompaggi e regolazione del flusso delle acque; la chiusura della viabilità e ponti non percorribili con la designazione di percorsi alternativi; poi l'allontanamento delle acque dai centri abitati e pulizia dei centri stessi, tuttora in corso, fino al ripristino della corrente elettrica, rete telefonica e del servizio raccolta rifiuti; infine la pulitura delle scuole che riapriranno a Bastiglia e Bomporto a partire da lunedì 27 gennaio.  Oltre alla chiusura della falla sull'argine del Secchia a S.Matteo (vedi comunicato n.79) sono stati eseguiti diversi interventi per accelerare il deflusso delle acque, tra cui il taglio delle arginature del Naviglio a Bomporto e Bastiglia, quello del

Cavo Argine, del Cavo Minutara.


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti