Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
19 settembre 2014
Fiorano e Maranello adottano lo Scout Speed

Per individuare veicoli rubati, senza assicurazione, sottoposti a blocco 
E’ uno strumento deterrente che aiuta la prevenzione 

Oggi, venerdì 19 settembre, alle ore 10.30, presso la sede della Polizia Municipale di Fiorano Modenese, in Via Ferrari Carazzoli 110, i sindaci di Maranello e Fiorano Modenese, Massimiliano Morini e Francesco Tosi, l’assessore alla sicurezza e polizia municipale di Fiorano, Davide Pellati, con i comandanti di presidio Carlo Alberto Romandini e Marco Gaddi, poresentano anche alla stampa l’attrezzatura ‘Scout speed’ che, utilizzando tecnologie innovative, è in grado di individuare i veicoli che circolano senza titolo perché privi di assicurazione, oppure perché oggetto di furto o perché sottoposti a sequestro o fermo. 
Il dispositivo, acquistato dai due comuni, è in grado di sanzionare le infrazioni più gravi del codice della strada (soste selvagge, limiti di velocità, semafori rossi ecc.); permette di monitorare e leggere le targhe dei veicoli parcheggiati o in movimento, su entrambe le carreggiate e in entrambi i sensi di marcia, individuando quelli non in regola attraverso un confronto con le banche dati ufficiali e con apposite black-list. 
L’apparecchiatura, il cui utilizzo è stato comunicato preventivamente alla Prefettura che ne ha apprezzato l’utilità, verrà installata sulle auto di pattuglia, non su auto civetta e sarà quindi un uso ‘riconoscibile’ da parte del guidatore. E’ omologato per operare con qualsiasi condizione atmosferica e di luce e svolge automaticamente le operazioni di individuazione e riconoscimento dei veicoli. Inoltre, grazie a una funzione particolare, consentirà agli operatori di riprendere con una telecamera quanto avviene nei pressi dei veicoli in modo da conservare testimonianza di comportamenti, situazioni ed interventi particolarmente difficoltosi e problematici. 
I dati e i rilevamenti dello Scout Speed vengono trasmessi alla centrale operativa e agli altri agenti di polizia municipale, oppure alle altre forze dell’ordine, che potranno procedere ai controlli di rito. 
Nell’aprire la conferenza stampa Francesco Tosi ha espresso la soddisfazione perché si presenta uno dei frutti della crescente collaborazione tra i Comuni di Fiorano e Maranello; un passo che già prevede ulteriori sviluppi per migliorare la sicurezza dei cittadini. “E’ inoltre con orgoglio che possiamo affermare di essere i primi due comuni nella Provincia di Modena ad utilizzare questo dispositivo”. 
Il sindaco di Maranello Massimiliano Morini: “Per aumentare la sicurezza sulle strade del territorio è necessaria una sempre crescente collaborazione tra le amministrazioni e tra le polizie municipali, ed è proprio questo che stiamo iniziando a mettere in atto: una politica attiva di prevenzione che permetta un controllo ad ampio raggio e che non si fermi ai confini dei Comuni, un piano di sviluppo per la sicurezza che, tramite la collaborazione, permetta di potersi munire di strumenti dalla tecnologia avanzata messa a servizio della sicurezza del territorio”. 
L’assessore Davide Pellati sottolinea come si voglia mettere in primo piano la prevenzione invece della mera constatazione e ciò si può ottenere solo attraverso la collaborazione sovracomunale e l’innovazione sia degli strumenti che delle politiche. 
Carlo Alberto Romandini, comandante del presidio di Maranello pone l’accento sulle caratteristiche: “Si tratta di uno strumento che permette di individuare mezzi inseriti nelle banche dati esistenti e in apposite  black list, perché privi di assicurazione, sottoposti a fermi, che non hanno fatto la revisione, veicoli rubati, ecc… Lo strumento non pretende la costante cura da parte degli agenti ma ‘vigila’ in autonomia e quindi è attivo anche mentre la polizia municipale svolge le normali pratiche come, ad esempio i controlli di residenza, i pattugliamenti stradali e dei quartieri”. Marco Gaddi, comandante presidio di Fiorano, ricorda come lo strumento “potrà essere anche utilizzato per rilevare la velocità degli automezzi, anche se in questo momento non è questo l’obiettivo principale per il quale verrà utilizzato”. 

Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti