Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Sport - 03 novembre 2014
La modenese Cristina Dogocher per il settimo anno consecutivo è campionessa mondiale nel Kata

La modenese Cristina Dogocher (per il settimo anno consecutivo) è campionessa mondiale nel Kata (forme) di Karate Arti Marziali

Dal 30 di ottobre al 2 di novembre  2014, al Palafiere di  Marina di Carrara si è svolta la x° edizione dei Mondiali WTKA. La grande cerimonia di apertura con sfilata è stata aperta con l’accensione  simbolica della fiamma olimpica. L’evento internazionale di arti marziali e  sport da combattimento più atteso dell’anno, divenuto ormai un classico  per numero di atleti e spettatori, si è confermato come il  più grande al mondo. Gli atleti provenienti dai 5 continenti  sono arrivati per misurarsi sui ring, gabbie e tatami. Inoltre, avendo come cornice il “Festival dell’ Oriente” con mostre e spettacoli dedicati a tutte le arti orientali, in tutte le sale del festival (per oltre 30.000 metri quadri). In totale ci sono state più di 60.000 presenze. Anche Modena, era (ed è ancora) piena di manifesti giganti dedicati a questo “Festival dell’Oriente” , che continua ad esaltare la magia dell’Oriente, attraverso i suoi spettacoli che sono veri e propri eventi culturali.

L’edizione 2014 del Campionato Mondiale “WTKA Karate Arti Marziali”,  ha visto oltre 5000 atleti di tutte le discipline. Le nazioni  presenti erano oltre 50, tra le quali Australia e Nuova Zelanda , Malaysia, Cina, Brasile, USA, Azerbajan, Mongolia, Sud Africa, Russia, Siberia, Kossovo, Inghilterra, Slovacchia , Francia, Svizzera, Romania, Moldavia, Norvegia.

Nei numeri: 30 tatami, 4 ring, 2 gabbie per le MMA, oltre 20 tatami per gli stage dove maestri di fama internazionale hanno svolto seminari tecnici, una pedana di 10 metri quadri per le esibizioni dove si è svolto il Gran Champion con il premio di 5000 dollari  aggiudicato ad un atleta statunitense; oltre  190 arbitri internazionali guidati dal presidente della federazione italiana WTKA Daniele Angileri, coadiuvato dall’ inglese John Richard.  

 Nel karate oltre 1200 atleti con un profilo tecnico sempre più alto si sono sfidati per aggiudicarsi il podio.

La modenese Cristina Dogocher, attualmente studentessa alla “Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori” dell’Università di Trieste e capitano della nazionale femminile, è riuscita a mantenere il gradino più alto anche quest’ anno. Infatti, per la settima volta consecutiva ha conquistato il titolo di campionessa Mondiale nel Kata(forme), superando le sue avversarie provenienti da Brasile, Belgio, Germania, Inghilterra, Slovacchia e ovviamente Italia. Oltre alla Dogocher che ha conquistato l’oro, altre due italiane della nazionale WTKA Karate sono salite sul podio: Raffaella Marinacci di Bari- argento- , Paola Abballe di Grosseto- bronzo-.

 presenti giornalisti e televisioni nazionali e estere

Da sottolineare che la modenese Cristina Dogocher, negli ultimi due mesi, non ha potuto allenarsi come avrebbe voluto e dovuto: è stata impegnata per preparare gli esami di ammissione ai corsi di laurea (a numero chiuso) dell’Università di Bologna-Forlì e di Trieste. Ha superato brillantemente tutti due gli esami. Ha optato per la “Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori” di Trieste (25 studenti ammessi su 812 candidati provenienti da tutta Italia) per la serietà e il prestigio della Scuola internazionale di Trieste, che è direttamente collegata con Bruxelles e con la Comunità Europea (da Trieste, attinge i giovani specializzati in interpretariato internazionale)

Nelle fotografie :

La campionessa mondiale Cristina Dogocher durante un combattimento

La campionessa mondiale Cristina Dogocher con la seconda  (Raffaella Marinacci) e la terza classificata (Paola Abballe) sul podio

 

 

 


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti