Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
09 aprile 2019
... Far West prossimo venturo

Chi, abitualmente, fa disinformazione, rischia anche di coprirsi di ridicolo, prospettando improbabili scenari da Far West, dopo l'approvazione della legge sulla legittima difesa,  con armi di  tutti i tipi in circolazione. Per chi si trova un intruso davanti, nella propria abitazione, un'arma può essere qualsiasi cosa, fosse pure un portacenere che non necessita di permessi particolari per essere detenuto. La cosa più importante, a mio avviso, è che, quel portacenere, finito sulla testa di un ladro, di un rapinatore, di un intruso in generale, non diventi un boomerang nei confronti del cittadino che si è trovato a fronteggiare una situazione di terribile pericolo e che rischia di dover anche risarcire il delinquente.

 


Una fra le più terribili esperienze che si possano fare, e che nessuno vorrebbe mai fare, è sicuramente quella di essere costretti a difendere da soli la propria famiglia, la propria casa, la propria vita. In uno stato di diritto, il compito di vigilare sulla sicurezza dei cittadini spetta alle Forze dell'Ordine le quali, tuttavia, non possono essere ovunque né possono essere sempre a un isolato di distanza, pronte ad accorrere ad una chiamata. Ci sono inoltre situazioni di estremo pericolo, nelle quali è impossibile  anche fare una telefonata. L'approvazione della normativa  sulla legittima difesa ha dato  nuovi argomenti e forza alla polemica, nella quale predomina la voluta disinformazione, con lo scenario apocalittico di una società armata fino ai denti, con pistole e fucili che si potranno acquistare con la stessa disinvoltura di un chilo di pane. Quando si fa disinformazione, si dovrebbe, comunque,  prestare maggiore attenzione, almeno per non coprirsi di ridicolo. Innanzitutto, la  legittima difesa non è legata esclusivamente  all'uso delle armi come pistole e fucili, e, nella disperazione, trovandosi una persona davanti, nella propria casa,  quando non c'è che un attimo per reagire, un'arma può essere qualsiasi cosa, fosse pure un pesante soprammobile,  un attizzatoio, una sedia... Tutte queste cose possono diventare armi improprie, non necessitano di permessi particolari per essere detenute, non riportano a esotici scenari da Far West. L'importante, invece,  è che quel portacenere finito sulla testa di un ladro, di un rapinatore, di un intruso in generale, non diventi un boomerang nei confronti del cittadino che si è trovato a fronteggiare quella situazione di terribile pericolo e che rischia di dover anche risarcire il delinquente. 

Quanto alla proporzionalità della reazione, rispetto all'azione...o, nella fattispecie, della difesa rispetto all'offesa, essa appare ragionevole benchè di difficilissima valutazione: non è possibile avere la lucidità e la freddezza, oltre il tempo, di capire cosa ha realmente intenzione di fare chi, ospite non invitato, si introduce in casa, non importa se a mezzogiorno o col favore delle tenebre. Non si può  sapere se per una manciata di euro pianterà con disinvoltura un coltello nella gola o se, emulo di Arsenio Lupin, dopo aver arraffato l'argenteria o qualche monile, fa un bell'inchino e, senza  torcere un capello a nessuno, se ne andrà  da dove è venuto.

Quindi, il Legislatore  potrebbe, almeno qualche volta, semplificare le cose, usando il comune buon senso : non è difficile, io credo, far passare il concetto per il quale  entrare non invitati in casa altrui e nelle altrui pertinenze è vietato, punto e basta. A mezzogiorno o a mezzanotte che sia, è un reato. Senza scusanti. Ma il comune  buon senso, evidentemente, tanto comune non è.

^^^^^^^^^^^^^^

 

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

... Far West prossimo venturo

di A.D.Z.

A 40 anni Dibba non sa ancora cosa farà da grande

di Massimo Nardi

A pochi mesi dalle elezioni europee continuano i litigi fra i due alleati di governo. Prima si danno calci nelle p…. e poi fanno pace.  A Torre Maura l’incapacità grillina innesta una sommossa.

A "Play" trionfa la voglia di giocare tutti insieme

di Antonio Pignatiello

Si è chiuso il 7 aprile, a Modena,  il Festival del gioco. Sono state oltre 44mila le persone (nel 2018 ci si era fermati a 40mila) che nei tre giorni della manifestazione hanno varcato l’ingresso del più grande ed importante evento italiano dedicata al gioco

Le parole per alterare la realtà

di Paolo Danieli

Quando vengono commessi reati i media non specificano più la nazionalità di chi li compie per evitare di evidenziare che si tratta per lo più di immigrati. Un conto è la cittadinanza, che si può acquisire. Un altro è la nazionalità,legata indissolubilmente  alla persona e che non si può cambiare. Ma questo al Grande Fratello non piace.

Blah Blah Blah

di Diego Marchiori

Sono 25 anni che il Forum delle Associazioni Familiari promuove ogni sorta di politiche familiari strutturali, ma stiamo ancora alle chiacchiere. Fanno eccezione Parma (quoziente Parma), Castelnuovo del Garda (Piano Integrato Politiche Familiari) e il Trentino Alto Adige (Trentino Famiglia). La politica in materia di famiglia è impantanata nelle chiacchiere.

Demographic Transition

di Eugenio Benetazzo

In due secoli la popolazione mondiale è passata da un miliardo ai quasi otto che si raggiungeranno nel 2020: sostanzialmente solo nell’ultimo secolo si è quadruplicata. A fronte di questa evoluzione appare pertanto sensato e doveroso chiedersi fino a dove arriveremo e se, soprattutto, esisteranno le risorse per sostenere questo momentum demografico.

Buona settimana e buona lettura del n. 649 - 334


Commenti
Non ci sono commenti.