Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
05 febbraio 2019
E allora cosa? Stai sul pezzo!

Vuoi fare il preadolescente della tastiera, che deve uccidere gli adulti per trovare se stesso, sempre voi-noi e il cambiamento? Fallo quando vuoi, ma non quando si parla di Shoah, come rispetto per quei milioni di morti. Vediamo se invocherai giustizia per qualche popolo del mondo diverso dalle vittime delle foibe quando il 10 febbraio celebreremo il Giorno del Ricordo.

 


Tu che in questi giorni, alle riflessioni e alle testimonianze sulla Shoah, hai contrapposto “Perché nessuno parla delle vittime di Stalin?”, “E le vittime delle Foibe?” e “i Fascisti uccisi dai Partigiani” o addirittura (letto davvero), “Perché nessuno ricorda lo sterminio degli Indiani d’America?”, è giusto farti sapere, da parte mia e di quelli della mia età, che abbiamo approfondito il dramma staliniano già da Divisione Cancro di Aleksandr Isaevic Solženicyn del 1968; tifiamo pellerossa e non gridiamo più ‘Arrivano i nostri’ almeno dal ‘Piccolo Grande Uomo’ del 1970.

Abbiamo cercato di conoscere e di capire la rivoluzione portoghese, il colpo di stato in Grecia, quello in Argentina, la Resistenza Palestinese; abbiamo inneggiato a Mao ma siamo anche stati capaci di vederne gli eccessi. Abbiamo studiato poco il genocidio degli Armeni, come siamo stati distratti sulle guerre in Africa, perché ne sapevamo poco. E’ una vita che ci impegniamo e continueremo a farlo per conoscere e capire il mondo attorno a noi.

 

Se pubblicherai dei post sui crimini contro l’umanità, qualunque fra i troppi, saremo ben lieti di leggerli ed eventualmente di dialogare per approfondirli. Ma se pubblico un post sulla shoah nel Giorno della Memoria, stai sul pezzo altrimenti posso pensarti antisemita; o che volessi scrivere ‘E il Pd allora?’ ma proprio non ci stava, però il senso era quello; che tu sia un revisionista e allora suppongo tu creda anche alla terra piatta.

 

Vuoi fare il preadolescente della tastiera, che deve uccidere gli adulti per trovare se stesso, sempre voi-noi e il cambiamento? Fallo quando vuoi, ma non quando si parla di Shoah, come rispetto per quei milioni di morti. Vediamo se invocherai giustizia per qualche popolo del mondo diverso dalle vittime delle foibe quando il 10 febbraio celebreremo il Giorno del Ricordo.

Secondo me no. Chissà perché?


Commenti
Non ci sono commenti.
Numero corrente