Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
13 marzo 2019
Fava “Quel centrodestra con la testa voltata all’indietro”

 

Nota del segretario provinciale del Pd Davide Fava in vista delle amministrative

 

 

Il segretario provinciale del Pd Davide Fava commenta le mosse del centrodestra sulle candidature nel modenese in vista delle elezioni amministrative di primavera. Ecco la sua dichiarazione:

 

 

“Il centrodestra modenese procede, nella migliore delle ipotesi, con la testa voltata all’indietro, nella peggiore aumentando le tasse. Nel mezzo esempi micidiali di fuoco amico.  A Mirandola abbiamo assistito al più veloce siluramento interno di un candidato già pronto a presentarsi ai media locali, diventato dall’oggi al domaninon più presentabile. Anche a Sassuolo il candidato “civico” del centrodestra ha ballato una settimana, e nulla più. Quando invece il candidato sopravvive ai veti incrociati, come a Modena, sembra caratterizzarsi per una sindrome nostalgica che lo induce a voler ribattezzare tutte le piazze (piazza Roma, il Novi Sad…), quasi fosse candidato alla Commissione Toponomastica. Il centrosinistra, invece, non si limita agli slogan, ma i progetti li realizza: le piazze le recupera e le restituisce alla collettività (piazza Roma, piazza Mazzini…). E i “nostalgici” non sono neppure i peggiori, perché quando il centrodestra governa, come a Vignola, quatto quatto fa esattamente l’opposto di quanto promesso in campagna elettorale. La Lega, paladina a livello nazionale della diminuzione delle tasse, a Vignola ha inserito nel bilancio di previsione l’incremento dell’addizionale Irpef, chance dischiusa dalla stessa maggioranza gialloverde con i suoi primi provvedimenti normativi. E il cittadino paga, nell’attesa di quell’incremento della sicurezza sbandierata ai quattro venti, ma che, alla prova dei fatti, è evaporato come neve al primo sole…”.

 

 

 

 


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti