Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
23 marzo 2020
Emergenza cCoronavirus e prostituzione in zona Tempio e Stazione

INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA

Oggetto: Emergenza coronavirus e prostituzione in zona Tempio e Stazione

Premesso che

 

  • a seguito dell’insorgere della grave emergenza epidemiologica da Covid 19, la presidenza del consiglio dei ministri ha emanato una serie di decreti che hanno via via portato a forti restrizioni della libertà di movimento dei cittadini;
  • in particolare nel DPCM 8 marzo 2020 è prescritto di evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori individuati dallo stesso DPCM, tra i quali è menzionata anche la provincia di Modena, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero spostamenti per motivi di salute;
  • nell’allegato al DPCM di cui sopra sono previste una serie di misure igienico sanitarie tra le quali lavarsi spesso le mani con la raccomandazione di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani; b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; c) evitare abbracci e strette di mano; d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

Rilevato che

  • i residenti nella zona Tempio-Stazione hanno segnalato la presenza, anche in questi giorni di emergenza e restrizioni per i cittadini, di prostitute che camminano e stazionano nelle vie della zona e davanti ai portoni d’ingresso dei condomini e delle abitazioni e ciò in particolare in Piazza Natale Bruni

Considerato che

  • è stato messo a disposizione dei cittadini un modulo di autocertificazione finalizzato all’acquisizione delle informazioni necessarie per verificare la sussistenza delle condizioni previste dal DPCM in caso di spostamenti, e per verificare le condizioni di salute delle persone trovate al di fuori della propria abitazione;
  • in mancanza delle suddette condizioni o in caso di dichiarazioni mendaci sono previste sanzioni penali;
  • la presenza di prostitute nelle strade cittadine non trova giustificazione nelle condizioni di necessità di spostamento così come richieste dai decreti per contrastare l’emergenza e il contagio, ed inoltre vi è il forte rischio di diffusione del virus per mancato rispetto delle precauzioni igienico sanitarie indicate nei decreti;

si chiede al Sindaco e alla Giunta

quali azioni sono state poste in essere e/o verranno attivate dal Comune e dalle autorità competenti al fine di verificare la presenza di prostitute nella zona Tempio-Stazione e in altre zone cittadine ed intervenire efficacemente in tali situazioni per garantire il rispetto dei DPCM emanati per fronteggiare l’emergenza sanitaria in atto.

 

Il Consigliere Capogruppo

 Elisa Rossini


Commenti
Non ci sono commenti.