Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
01 agosto 2019
"Bibbiano, come ha fatto la Regione a non accorgersi negli anni dei dati sproporzionati sugli Affidi a Reggio?"
 
 
 
"La Commissione regionale d'inchiesta sulla Val d'Enza istituita su pressione del centrodestra e che si riunisce domani per la prima volta, dovrà far luce su tanti aspetti controversi che avrebbero dovuto insospettire da anni la Regione Emilia Romagna sull'orrore che sta emergendo dall'inchiesta Angeli e Demoni. E' possibile che a Reggio Emilia il numero dei minori in affidamento (403 minori con affidamento familiare in corso nel 2017, contro ad esempio i 70 di Ferrara o i 90 di Parma) fosse in costante aumento da anni e che fosse, ad esempio, quasi il quadruplo della vicina Parma? Ma nessuno si accorgeva di queste aberrazioni statistiche?" A chiederselo è il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli che, al pari della deputata di Forza Italia Benedetta Fiorini, cita i dati del sistema informativo regionale dell’Emilia Romagna sui bambini ed i ragazzi assistiti dai servizi sociali territoriali. 
"Forza Italia combatterà fino alla fine, superando le ridicole difese del Pd che parla in modo indecente di strumentalizzazione sul caso Bibbiano, per fare luce piena sul sistema degli Affidi in Emilia Romagna. Il gruppo di lavoro creato dal ministro Bonafede e la Commissione regionale saranno continuamente monitorati e interpellati da Forza Italia - continua Galli -. Del resto alcuni dati devono essere disponibili da subito: penso al numero dei minori in affido in Emilia-Romagna negli ultimi 5 anni, al costo complessivo sostenuto e alle effettive condanne penali subite dai genitori ai quali da un giorno all'altro sono stati sottratti i bambini con accuse devastanti. Vogliamo verità, la pretendiamo. Non per noi, non per le sorti di un partito, qui non c'è un partito da salvare come sta facendo il Pd. Pretendiamo verità per le famiglie che per colpa di questo Sistema indecente e orrendo hanno vissuto un calvario inimmaginabile. Vergogna è la prima parola che abbiamo pronunciato, oggi la sola parola per tentare di andare avanti è Verità".
 
 
 
 

 

 


 

tabella.jpg (51 Kb)
 
Download
 

Commenti
Non ci sono commenti.