Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
06 novembre 2019
Europa. Istituita la Rete europea regionale per partecipare alla formazione del diritto Ue



Al via il sistema regionale per consentire a enti locali, portatori di interesse e cittadini di partecipare, tramite consultazione, alla formazione e attuazione di politiche e diritto dell'Unione europea
 

Prende forma la Rete europea regionale attraverso la quale Assemblea legislativa e Giunta intendono consentire a enti locali, stakeholders e cittadini dell’Emilia-Romagna di partecipare alla formazione e all’attuazione delle politiche europee e del diritto dell’Unione europea. Lo hanno riferito in commissione Bilancio, affari generali e istituzionali, presieduta da Massimiliano Pompignoli, il responsabile del servizio Affari legislativi e aiuti di Stato della Regione, Maurizio Ricciardelli, e il Direttore generale dell’Assemblea legislativa, Leonardo Draghetti.

Quadro normativo. La Rete europea viene convocata almeno due volte l’anno, prima dell’avvio dei lavori della sessione europea e dopo l’approvazione del relativo atto d’indirizzo nonché per la programmazione delle attività di partecipazione e delle consultazioni. Le attività della Rete sono coordinate da una Cabina di regia, composta dal presidente della Regione e dal presidente dell’Assemblea legislativa, o loro delegati, che si avvale del supporto tecnico di un Gruppo di lavoro congiunto Assemblea-Giunta. “La consultazione della società regionale su politiche e diritto dell’Ue deve avvenire in tempi sempre più rapidi. Per questo è necessario un sistema efficiente in grado di consentire ai decisori pubblici un confronto efficace e tempestivo” hanno concluso i due dirigenti.

(Luca Govoni)


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti