Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
05 febbraio 2019
Arte Fiera 2019

E' di scena l'Arte, tra Modena, Bologna e Reggio Emilia. Al nuovo direttore artistico della manifestazione, Simone Menegoi, il grande merito di aver scelto con elitaria sapienza sia le gallerie che gli artisti.

    Servizio fotografico di Corrado CORRADI    


Nella kermesse di Arte Fiera 2019 di Bologna grande spazio è riservato alla innovativa arte tra Modena, Bologna e Reggio Emilia. I nomi degli artefici,di questa forza espressiva ed innovativa, sono Claudio Parmiggiani, Davide Benati, Mimmo Paladino, Franco Guerzoni ed i galleristi Emilio Mazzoli,Antonio Verolino, Mario Diacono e Paola Veronesi titolare  Studio Testoni di Bologna.

Nello specifico Antonio Verolino espone 10 arazzi tessuti in Francia, il più affascinante dei quali ricalca un famoso disegno preparatorio del 1975 di Max Ernst, l’equivalente del più famoso dipinto conservato nella casa museo di Peggy Guggenheim. Emilio Mazzoli sostiene: “non sono naturalmente le opere che escono dalle collezioni prendendo casa ma gli artisti che vivono in esse a trovare casa” Giulia Guatoli laurenda in Storia dell’Arte ci avvicina ad un’opera di Mimmo Paladino “in cui si sente il fascino di Sironi e la dinamica pittorica degli scavi di Pompei”.

La galleria Testoni presenta l’opera di due giovani artisti Antonello – Ghezzi introduce un dialogo sull’incontro con questi artisti: “in una villa liberty dei Giardini Margherita, messa a disposizione dal Comune di Bologna,  occupano uno spazio dove possono nascono le loro opere, in Fiera si esprimono attraverso specchi, scritte, luci che rimandano al lavoro di Michelangelo Pistoletto ed alla attualissima arte concettuale".

Maurizio Osti (Gruppo 63) "vede nella calligrafia un grande modo espressivo della manifestazione del sacro". Nel nostro percorso abbiamo incontrato il senatore Enrico Aimi che ci confida: "L'importanza nella nostra tradizione del recupero del medioevo come dinamica costruttiva di una società di alta qualità fortemente religiosa ma rispettosa dell'uomo nella sua interezza e definisce questa edizione Mitica". Il dott. Gianfranco Ferlisi, uno decuratori della Galleria Estense " attribuisce al nuovo direttore artistico della manifestazione, Simone Menegoi, il grande merito di aver scelto con elitaria sapienza sia le gallerie che gli artisti in questo percorso ricco di novità tra cui la sezione "Solo Figura e Sfondo" che enumera le migliori collezioni pubbliche e private dell'Emilia Romagna.

 


Commenti
Non ci sono commenti.
Numero corrente