Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
05 ottobre 2021
Una sentenza difficile da accettare. Se giusta, sono ingiuste le leggi

Domenico Lucano era soltanto un delinquente, al pari di un criminale mafioso, per soldi e per potere, o invece uno che aveva una visione (funzionante) dell’accoglienza e ha sbagliato metodi per perseguirla, non rispettando le normative?

 


Domenico Lucano, tre volte sindaco di Riace, è stato condannato a 13 anni e due mesi di reclusione. E’ praticamente il doppio di quanto chiesto dall’accusa e per assestare il colpo definitivo, viene richiesto il rimborso di 500.000 euro ottenuti come contributi dall’Europa.

Lucano nel 2006 ha ricevuto il premio in ricordo di Tom Benetollo, il Premio Sostenibilità dalla Provincia di Roma. Arriva terzo nel 2010 nella competizione mondiale dei sindaci, il World Mayor, Nel 2016 viene inserito tra i 40 più importanti leader del mondo dalla rivista Fortune. Nel 2017 riceve il premio per la Pace Dresda 2017.

Invece per la giustizia è soltanto un delinquente, condannato per associazione per delinquere, abuso d'ufficio, truffa, concussione, peculato, turbativa d'asta, falsità ideologica e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

A rigore di logica bisognerebbe condannare anche il prefetto di Reggio Calabria che riferisce di anomali nel sistema di accoglienza di immigrati, con la conseguenza che il Ministro dell’Interno Minniti (quanti danni dietro il suo apparente decisionismo!) non riconosce più al comune i bonus e le borse di lavoro degli ultimi tre anni. Peccato che poi lo stesso prefetto, dopo pochi mesi, usi toni differenti e lodi il modello di integrazione.

C’è in tutto questo una evidente sproporzione, qualcosa che non va. Se la sentenza è giusta, sono sbagliate le leggi, ma perché i giudici si sono accaniti raddoppiando la pena richiesta dall’accusa? Non voglio pensare male, ma il tarlo ce l’ho.

Domenico Lucano era soltanto un delinquente, al pari di un criminale mafioso, per soldi e per potere, o invece uno che aveva una visione (funzionante) dell’accoglienza e ha sbagliato metodi per perseguirla, non rispettando le normative?

 

 


Commenti
Non ci sono commenti.