Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
27 agosto 2019
In francese si dice "nous sommes foutus"

Tira un’aria brutta. PD e M5S preparano un “biscotto” molto amaro agli italiani. Altro che riduzione dei parlamentari, si sta buttando il seme di una nuova legge elettorale a scapito degli italiani.

 


Al momento di andare in stampa, come si dice in gergo, non sappiamo come andrà a finire l’innaturale accoppiamento (ma poi mica tanto), ma proviamo a immaginare cosa succederà.Se l’alleanza giallo verde poteva sembrare innaturale, quella giallo rossa è indescrivibile, a meno che non si ricorra a un accoppiamento fra un terrestre e un alieno, che appare solo nei film di fantascienza tipo Alien, ma siamo già sul digeribile. Scherzi a parte (ma potrebbe verificarsi). Se così fosse, sarebbero veri e propri c…. amari: questo, per dirlo in italico. Ma si sa, non c’è mai limite al peggio. Sinistra e grillini, gli eredi di Stalin e Robespierre, stanno confezionando, senza usare la chimica, un purgante devastante alla parte sana della nazione. Nessuno di loro vuole il voto per una semplice ragione: non è quella del buon senso. Oltre al fatto che l’Europa ci guarda, non si tratta di spread e del risparmio che otterremmo abolendo senatori e deputati, ma per una ragione molto più terra terra. Quella di mettere insieme il pasto con la cena. I partiti non hanno più soldi e le cooperative, nate come funghi dopo due giorni di pioggia e uno di sole, non hanno più l’accesso al credito e probabilmente gli è stato richiesto il rientro già concesso dalle banche, vista la scarsa affluenza di richiedenti asilo veri e presunti. L’elefante PD ha ancora troppi funzionari a libro paga, perché nelle ultime elezioni ne ha parcheggiati pochi a carico dell’amministrazione statale: comuni e regioni. Apro una parentesi: a Modena è andata bene, ma non per merito loro, ma per demerito del centro destra. Chiusa parentesi. Passiamo oltre e parliamo dei papà e delle mamme degli onorevoli e senatori grillini che sono nell’angoscia e nella disperazione.  Avevano pensato di essere riusciti, almeno per due legislature, a mettere il sanculotto o la tricotenus a carico dello Stato, e invece, se li ritrovano con la valigia sulla soglia di casa. Non diciamo niente di falso, infatti, abbiamo già pubblicato alcune dichiarazioni dei redditi di alcuni di questi e, come ricorderete, alla pagina dove si specificava il reddito o il lavoro eseguito in passato, era lasciato in bianco. Alcuni di loro, sembra, abbiano già compilato il modulo per il reddito di cittadinanza! Se si votasse oggi, secondo i sondaggi, metà di loro resterebbe a casa. Per precauzione, però, chi li manovra ha già emesso una velina che dice pressappoco così: “Per sicurezza vostra (ma più per altro la loro, quella dei burattinai), versate le quote dovute relative al vostro stipendio, perché in caso di elezioni, non sarete ricandidati”.

Eppure, qualcosa mi dice che oltre a questo, c’è qualcosa di più. Prendete questa notizia: il Governo di Malta ha annunciato di aver autorizzato lo sbarco dei 356 migranti a bordo della nave di Ocean Viking, gestita dall’ONG Medici senza frontiere e Sos Méditerranée. Naturalmente, l’impegno è legato al fatto che nessuno rimanga sull’isola. La Francia ha subito risposto, aggiungo con “grande entusiasmo”, di volerne 150. Ma ci prendete per il c…? Ma quelli che sono fermi a Ventimiglia e quelli che ci riportate di notte e di giorno, chi sono? Sono profughi di serie B? Personalmente ci vedo una manovra diversa. Sarà che a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, ritengo che PD e M5S abbiano l’accordo sottobanco già pronto! Al nuovo governo giallo rosso ampia apertura di credito: facciamogli prendere tempo sull’aumento dell’Iva e in cambio ci prenderemo i prossimi 200.000 rifugiati, con buona pace dei poveri pensionati italiani ma, diciamolo pure, anche di tutti gli italiani che vedranno sparire altri fondi destinati all’accoglienza che il brutto fascista e razzista Matteo Salvini aveva deciso di tagliare. 

Si parla di qualche miliardo.

Ma il risultato più eclatante sarà che qualche uomo o donna si potrà finalmente togliere il cilicio che aveva indossato per mondare gli italiani del peccato di chiudere i porti. Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo, non è aprendo i porti a un’immigrazione incontrollata che si risolve il problema: non certo imbarcandoli alla deriva, ma aiutandoli a casa loro. Possibile che siamo solo capaci di sostenere dei governi di corrotti e non riusciamo a trovare persone serie in quelle nazioni da supportare che impediscano ai loro connazionali di morire nel Mar Mediterraneo o fare gli accattoni per le nostre strade. Questa è l’unica strada percorribile. 

Se quanto detto sopra si dovesse verificare, il Presidente del Consiglio incaricato che andrà davanti al Presidente della Repubblica, nel caso fosse persona seria, dovrebbe dire:

– Signor Presidente, vi porto l’Italia dell’inciucio-.


Commenti
Non ci sono commenti.