Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
05 aprile 2011
GIULIO CESARE di Georg Friedrich Händel

STAGIONE LIRICA 2010/2011

 

GIULIO CESARE di Georg Friedrich Händel

 

Teatro Comunale Luciano Pavarotti

venerdì 8 aprile ore 20.30

domenica 10 aprile ore 15.30

 

La stagione lirica del Comunale si chiude con Giulio Cesare di Georg Friedrich Händel, in scena per la prima volta a Modena venerdì 8 e domenica 10 aprile al Teatro Comunale Luciano Pavarotti, nell’allestimento coprodotto dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara con le Fondazioni Teatro Comunale di Modena e Teatro Alighieri di Ravenna. Dopo Partenope visto nel 2009, prosegue il percorso nella riscoperta della produzione operistica di Händel.

 

Fra le maggiori affermazioni del barocco musicale, Händel scrisse opere italiane per il pubblico inglese e trascorse a Londra quasi tutta la sua carriera a partire dal successo di Rinaldo nel 1711. Giulio Cesare – che narra l’episodio storico della campagna d’Egitto di Cesare nel ’48 -’47 a.C., all’inseguimento dello sconfitto Pompeo – debuttò al King’s Theatre nel 1724 ed ebbe un successo tale che Giovanni Bononcini, rivale del compositore alla Royal Academy of Music, si ritirò dal suo incarico, mentre l’opera fu replicata negli anni successivi anche a Parigi e in Germania.

 

Il cast vede la presenza di Sonia Prina (Giulio Cesare), Eleonora Buratto (Cleopatra), Josè Maria Lo Monaco (Cornelia), Filippo Mineccia (Tolomeo), Paolo Lopez (Sesto), Riccardo Novaro (Achilla), Floriano D’Auria (Nireno), Andrea Mastroni (Curio), tra le migliori voci italiane specializzate nel repertorio antico. La regia è di Alessio Pizzech, le scene sono di Marco Ricciarini, i costumi di Cristina Aceti e le luci di Marco Cazzola. Ottavio Dantone dirigerà l’Accademia Bizantina, ensemble ravennate tra i massimi interpreti della musica barocca eseguita con strumenti originali.

 

La lettura registica di Pizzech, incentrata sul fascino e la seduzione della terra d'Africa, sposta la vicenda in un periodo storico tra fine Ottocento e primi Novecento. Il rapporto tra occidente e cultura egiziana è infatti il punto focale da cui parte l’attualizzazione dell’opera in epoca coloniale; non si tratta di un semplice spostamento di epoca, ma della ricerca di quei nodi di attrazione che quel Sud del mondo esercita ancora oggi su di noi con tutto il suo portato emozionale e poetico. “Ho voluto immaginare – spiega Pizzech – un Giulio Cesare che si trova inaspettatamente imprigionato in una cultura che lo attrae e che lo tiene legato a quelle terre, un Giulio Cesare ammalato di mal d’Africa, che combatte ma che soprattutto è spinto da una sete di conoscenza”.

 

Venerdì 8 aprile ore 20,30

Domenica 10 aprile ore 15,30

GIULIO CESARE

Dramma per musica in tre atti.

Libretto di Nicola Francesco Haym

da Giulio Cesare in Egitto di Giacomo Francesco Bussani

 

Musica di Georg Friedrich Händel

 

Personaggi e interpreti

 

Giulio Cesare Sonia Prina

Cleopatra Eleonora Buratto

Achilla Riccardo Novaro

Cornelia José Maria Lo Monaco

Tolomeo Filippo Mineccia

Sesto Paolo Lopez

Nireno Floriano D’Auria

Curio Andrea Mastroni

 

Direttore Ottavio Dantone

Regia  Alessio Pizzech

Scene Michele Ricciarini

Costumi Cristina Aceti

Luci Marco Cazzola

Accademia Bizantina

 

Nuovo allestimento

Coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Ferrara,

Teatro Comunale Alighieri di Ravenna, Fondazione Teatro Comunale di Modena

 


Commenti
Non ci sono commenti.