Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Politica locale e nazionale - 29 maggio 2011
Via Della Cella: Ora basta. Stanchi di furti e degrado.

La situazione è fuori controllo, negli ultimi giorni i vicini mi hanno segnalato diversi furti di biciclette, diverse le segnalazioni di tentativi di furti d'auto (uno alle 21.30); poi le solite situazioni che stanno portando tutti noi all'esasperazione, rifiuti abbandonati ovunque, parcheggi selvaggi, palazzi che sono lasciati decadere senza che nessuno provveda al minimo intervento e poi l'alimentari di via Della Cella, che nonostante non paghi l'affitto da mesi, non faccia scontrini, fornisca di alcolici spacciatori e balordi, rimane misteriosamente aperto, forse perché gestito da cittadini stranieri? è davvero insopportabile che certi comportamenti siano tollerati, l'amministrazione e il comandante della Polizia Municipale forse pensano che chiudere un occhio aiuti l'integrazione? davvero una leggerezza imperdonabile, il risultato è esattamente l'opposto; d'altra parte quello che succede nel vicino parco delle Rimembranze è sotto l'occhio di tutti, meglio non vedere gli spacciatori e i nullafacenti (come camperanno qualcuno lo dovrà spiegare prima o poi); le attività commerciali stanno chiudendo una dopo l'altra, i prezzi delle case crollano; davanti alla Chiesa di Sant'Agnese i soliti mendicanti africani che minacciano gli anziani, un'autentica vergogna; 

      A breve inizieranno diversi lavori di recupero e riqualificazione, ma vanno fatti anche altri interventi, prima di tutto chiudere il negozio etnico; al primo segnale di criticità, si deve intervenire, non lasciare che tutto vada avanti, prima o poi la situazione diventerà insostenibile e non possiamo davvero aspettare che qualche spiacevole episodio si possa verificare. Siamo costretti a dare un ultimatum all'amministrazione, entro pochi mesi vogliamo dei risultati concreti, altrimenti siamo pronti a scendere in strada.

      Uno strumento decisivo sarebbero le ordinanze del Sindaco (che dopo la sospensione potrebbero essere di nuovo utilizzabili) , a tal proposito davvero ingiustificabile l'assenza del Sindaco all'incontro con il Ministro Maroni, come pensa il nostro primo cittadino di gestire i rapporti con il governo? con dispetti e provocazioni non credo che potremmo avere ascolto in futuro, abbia la serietà di comportarsi in maniera responsabile, i modenesi sono stanchi di scontri tra schieramenti politici, vogliono vivere in una città sicura. 

 
Comitato cittadini di Sant'Agnese

Commenti
Non ci sono commenti.