Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Politica locale e nazionale - 26 settembre 2011
L'impatto ambientale della “grey economy”

Legambiente documenta con una video intervista lo scempio delle cave di San Cesario sul Panaro

 

La ghiaia è l'oro grigio che rende grandi affari, almeno 15-20 euro per metro cubo, mentre alla collettività vanno solo pochi centesimi e opere compensative inutili e inutilizzate.

Con il termine Green Economy (economia verde) si intende un’ economia il cui impatto ambientale è contenuto entro limiti accettabili. Dalle nostre parti l’economia più che “Green” è “Grey”, cioè grigia. La ghiaia è l’oro grigio che rende grandi affari, i cavatori guadagnano almeno 15-20 euro per metro cubo versando alla collettività poco più di 50 centesimi. L’impatto ambientale della “Grey Economy” è notevole: le escavazioni portano mezzi pesanti, quindi gas, poveri, rischio di svalutazione degli immobili, di inquinamento per le falde se si considera che a San Cesario si può scavare in zone ad elevata vulnerabilità degli acquiferi. Per compensarci i cavatori dovrebbero realizzare opere di pubblica utilità, la realtà però ad oggi è molto grigia, fatta di cave abbandonate e di opere compensative mai arrivate.

“Il parco dei Laghi di Sant’Anna - ha dichiarato Sabina Piccinini, presidente del circolo Legambiente di San Cesario sul Panaro -  lo attendiamo da almeno vent’anni: sentieristica, tavoli, panchine, aree attrezzate, punti di osservazione naturalistica, un parcheggio. Ai cavatori spettava realizzare queste opere a compensazione di escavazioni avvenute, tra l’altro, in un’area classificata di notevole pregio naturalistico dalla Comunità Europea. Da almeno cinque anni le escavazioni sono terminate, ma di opere per il Parco, zero”.

Il bacino irriguo è una grande voragine generata da decenni di escavazioni, risistemata dai cavatori e riempita d’acqua. È costato tubazioni comprese, oltre 5 milioni di euro, di cui la metà a carico della collettività. L’acqua del bacino dovrebbe servire agli agricoltori per irrigare risparmiando acqua di falda, peccato però che quelli intenzionati a servirsene siano davvero pochi: ad oggi solo 10 agricoltori su 140.

Un successone, se si pensa che l’invaso ha pure problemi di tenuta come confermato dal Sindaco nell’ultimo Consiglio Comunale. Non a caso in paese si parla di “Vajont sancesarese”. Per ora resta solo un grande lago, tranquillo e solitario nella campagna un tempo fertile. A chi giova la “Grey Economy”? Ai cavatori, ai cittadini.…o alle papere?

 

La video-intervista sulle cave di San Cesario è disponibile su Youtube:

http://www.youtube.com/watch?v=EFFW2_HxgGQ

E su Youreporter.it:

http://www.youreporter.it/video_Legambiente_le_cave_di_San_Cesario_MO

 

 


Commenti
Non ci sono commenti.