Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Società - 05 settembre 2011
Il programma della Sagra dell’8 Settembre. pellegrini da tutta la provincia

La parrocchia di Fiorano è mobilitata nell’organizzazione dell’8 Settembre, la festa in onore della Beata Vergine del Castello che porterà migliaia di fedeli davanti alla miracolosa immagine, nella Basilica che sul poggio domina il paese. Si concludono martedì 6 settembre le processioni serali della novena. Alle ore 20, i fedeli della parrocchia di Spezzano, guidati dal parroco Don Paolo Orlandi, giungeranno in processione fino al bivio della Statale con Via Cappucchiera, dove si uniranno ai fedeli fioranesi e insieme saliranno alla Basilica percorrendo Via Statale Est, Via Vittorio Veneto e Via del Santuario.

Mercoledì 7 settembre, giorno di vigilia, l’appuntamento è infatti direttamente in santuario, dove alle ore 20 si intonano i Primi Vespri e il vescovo di Forlì, il modenese Mons. Lino Pizzi procede alla solenne Incoronazione della Beata Vergine e del Bambino Gesù e celebrare la Messa. Al termine la festa imminente viene annunciata con un concerto dell’Unione Campanari Modenesi. Nel pomeriggio del 7 settembre, dalle ore 14.30, i sacerdoti fioranesi Don Giuseppe, Don Stefano e Don Adriano saranno in Santuario per le confessioni.

Giovedì 8 settembre, giorno della sagra, la giornata comincia già alle 5, prima dell’alba, con la prima Messa a cui assistono per tradizione i Fioranesi, presieduta da Don Stefano Andreotti. Per tutta la giornata, a Fiorano, è possibile ottenere l’indulgenza plenaria secondo le modalità previste dalla Chiesa. Le Messe proseguono poi ogni ora: alle 6 celebra Don Fernando Bellelli del Vicariato Pedemontana Ovest; alle 7, la Messa detta ‘dei Sassolesi’, perché ancora oggi in diversi giungono in pellegrinaggio a piedi, celebra Don Carlo Lamecchi, vicario foraneo di Sassuolo.

Alle ore 8 la Messa è celebrata dal vescovo di Parma, il modenese Mons. Enrico Solmi; alle ore 9 la Messa è presideuta dal parroco Don Giuseppe Albicini. Alle 10, alla Messa  in Santuario celebrata da Don Gaetano Frigieri, si aggiunge la Messa celebrata nella parrocchiale da Don Franco Leonardi, entrambi sacerdoti fioranesi, così come fioranese è Don Guido Bennati, a cui è affidata la celebrazione delle ore 11. Nel pomeriggio, mentre si sussegue la salita dei pellegrini davanti al ritratto miracolo, attraverso le sale e le scale che conservano gli ex voto, viene recitato il Rosario in modo continuato.

Alle ore 17.30 arriva a Fiorano l’arcivescovo di Modena mons. Antonio Lanfranchi: presiede la Messa e guida la processione che scende da Via del Santuario, percorre Via Vittorio Veneto e risale da Via Bonincontro.

Alle ore 20, torna nella parrocchia dove è arrivato parroco e da dove è partito come arcivescovo metropolita della diocesi di Ravenna-Cervia, mons. Giuseppe Verucchi, nella felice ricorrenza del cinquantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale. Il bollettino parrocchiale, diffuso nelle famiglie, ricorda che è stato il primo parroco di Fiorano diventato vescovo (il medievale vescovo Bonincontro era infatti fioranese di nascita ma svolse sempre altrove la sua missione) e ricorda anche che “A Fiorano ha fatto bene Don Giuseppe! E a Don Giuseppe ha fatto bene Fiorano, parrocchia che sa voler bene ai propri preti e, a quanto pare, anche prepararli a diventare pastori e padri nel senso più pieno”.

Il Santuario, al termine delle celebrazioni liturgiche, rimarrà aperto ai pellegrini tutta la sera e, se il tempo vorrà mostrare la sua clemenza, anche quest’anno si ripeterà l’ininterrotto fruscio dei passi delle persone in fila lungo la chiesa per potere arrivare davanti al medievale dipinto su muro che raffigura la Madonna con Bambino e un soldato spagnolo inginocchiato, a ricordo del Miracolo del Fuoco del 1558.

La serata si concluderà con lo spettacolo pirotecnico, mentre il Salone del Pellegrino ospita la grande pesca di beneficenza, la sala sotto il campanile vende oggetti religiosi e ricordi, in fondo al piazzale funziona un punto ristoro. Sempre alla sera, davanti alla canonica, il corpo bandistico di Sassuolo “La Beneficienza” tiene il suo popolare e apprezzato concerto.

Nel centro di Fiorano, oltre ai banchi degli ambulanti e al luna park, funzionante in Piazza Salvo D’Acquisto, sono aperte tre mostre.

Il gruppo Hobbystica Pedemontana, in collaborazione con il Comune, ha organizzato la ‘10° Mostra regionale di hobbistica e collezionismo’ al Teatro Astoria, aperta dalle ore 9 alle ore 24.

Sempre all’Astoria, ma al primo piano, l’associazione Artevie, fino al 18 settembre 2011 ha allestito la mostra ‘Fratelli d’Italia. Così uguali, così diversi”. E’ aperta dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 20. Inaugura il giorno dell’8 Settembre, alle ore 17, la collettiva di pittura dell’Associazione Arte e Cultura, aperta fino alle 23.

Anna & Giuseppe, Valerio Parrucchieri ed Enrico Acconciature, in collaborazione con FTO, hanno deciso di mettere la loro capacità a servizio di un progetto di solidarietà ‘Pediatrie del Kimbondo’. L’8 Settembre, presso il negozio di Valerio Parrucchieri al centro commerciale di Via Santa Caterina da Siena, dalle ore 9 alle ore 14, insieme, raccoglieranno fondi per costruire un reparto di pediatria nell’unico ospedale gratuito di tutta Kinshasa (Info 0536.831.461). A tutti coloro che faranno taglio o piega, riceveranno in omaggio prodotti per le acconciature della PTP.

 


Commenti
Non ci sono commenti.