Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Cultura - 04 aprile 2011
INCONTRI MUSICALI ALL’UNIVERSITÀ

DENTRO LE NOTE

 

ENSEMBLE LULIAN

Suoni dell’Iran

 

Facoltà di Lettere e Filosofia (largo Sant’Eufemia, 19)

mercoledì 6 aprile ore 17

 

La rassegna Dentro le note, realizzata dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in collaborazione con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, prosegue con l’Ensemble Lulian e i Suoni dell’Iran. L’incontro è fissato per mercoledì 6 aprile alle ore 17 alla Facoltà di Lettere e Filosofia a Modena (largo Sant’Eufemia 19).

 

L’Ensemble Lulian – che significa “nomadi”, ed è un nome scelto in omaggio al poeta mistico persiano Moulana Jalal ad Din Rumi – è un gruppo fondato di recente da Darioush Madani, insieme ad altri musicisti persiani che vivono in Italia e in Germania. È composto da Madani (strumenti a corde tar e setar), Nazli (voce), Behnam Samani (strumenti percussivi tombak, daf, dayere, udu) e Amir Nazari (strumento ad arco kamanchè).

 

Suoni dell’Iran sarà un’occasione preziosa per avvicinarsi alla musica persiana e alla sua tradizione millenaria. Oggi l’Iran presenta una situazione musicale particolarmente variegata, dove le manifestazioni etnico-popolari riscontrabili nelle varie regioni, la corrente religiosa e spirituale di ambiente samâ propria dei dervici, i repertori della moschea, fino alla più recente musica urbana, leggera e pop convivono accanto al filone della tradizione classica e colta. In particolare, il radif della musica iraniana, ossia l’intero ciclo del repertorio classico, per gli straordinari valori veicolati è entrato a far parte dei capolavori del patrimonio orale e immateriale dell’umanità segnalati dall’Unesco. Il Lulian Ensemble, con la sua musica ma anche con parole e racconti, guiderà il pubblico alla scoperta di questo mondo musicale e culturale straordinariamente ricco.

 

Darioush Madani è nato a Teheran, e dal 1980 vive in Italia. Ha sviluppato la sua educazione musicale attraverso l’apprendimento di strumenti della tradizione persiana, i cordofoni tar e setar, liuti a 6 e 4 corde. Ha frequentato i corsi di tar e setar da Hossein Alizadeh, uno dei più importanti personaggi della musica persiana da 3 decenni. Darioush Madani studia anche le percussioni persiane tombak e daf: tra i suoi insegnanti Ali Tajabakhsh, G. Chemirani e Behnam Samani. Darioush Madani ha fondato diversi gruppi musicali tra i quali Radif Ensemble, Karevan, Ranghine Ensemble, Pantheon e ha collaborato con diversi gruppi musicali in Italia tra i quali Accordeon e Sharg Uldusù.

Il percussionista Behnam Samani è nato nel 1967 a Chahar Mahal Bakhtiari, in Iran. Ha studiato con Jamshid Mohebbi e collaborato con noti musicisti persiani e artisti internazionali. Ha insegnato daf e tombak in tutta Europa, ed è autore di un manuale di insegnamento di udu e daf. È l’inventore dell’udu-zarbang, tamburo con la cassa in terracotta. Dal 2000 con l’Ensemble Dastan ha partecipato a diversi festival tra i quali il Persian Music Festival di Monaco, il Persian Music Festival in Svezia e Italia, il Rhythm Stick Festival a Londra e il Rhythm Festival DU Zurigo.

 

 

Maria Rosaria Corchia

 

L’incontro musicale è a ingresso libero. Al termine, nel cortile della Facoltà, sarà offerto un rinfresco, per continuare a chiacchierare informalmente con gli artisti.

 

Mercoledì 6 aprile ore 17

Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia (largo Sant’Eufemia, 19)

ENSEMBLE LULIAN

Suoni dall’Iran

 

Nazli voce

Darioush Madani tar e setar (strumenti a corde)

Behnam Samani tombak, daf, dayere, udu (strumenti percussivi)

Amir Nazari kamanchè (strumento a arco)

 


Commenti
Non ci sono commenti.