Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Medicina - 06 dicembre 2005
Diabete e Piede

“Anche se questa malattia ci appare misteriosa non deve spaventarci – afferma il prof. Caravaggi, responsabile del Centro Servizio di Diabetologia dell’Ospedale di Abbiategrasso, all’interno del quale ha fondato e dirige il Centro per lo studio e la cura del piede diabetico e fa parte anche del Gruppo di studio SID-AMD – Bisogna che si prenda coscienza che l’aspetto fondamentale è la prevenzione. E’ stato dimostrato che se la cura viene fatta tempestivamente c’è la guarigione. Forse non tutti i diabetici sanno, o non vogliono saperlo, che trascurare le ulcere ai piedi può essere l’inizio di un lungo e doloroso calvario, perciò, se si è colpiti da questa patologia, bisogna assolutamente curarla e, soprattutto, bisogna controllare i piedi perché questi sono a rischio. Quando il paziente ha già una lesione – sostiene il Caravaggi - è estremamente importante che si rechi in un centro specialistico affinché gli venga immediatamente applicata la cura necessaria, perchè il 50% delle amputazioni degli arti inferiori, avviene nei pazienti diabetici a causa di un ritardo nella diagnosi o di una cura non corretta delle lesioni iniziali delle ulcere del piede”.

Questo è il messaggio che, con poche ma essenziali parole, il prof. Carlo Caravaggi trasmette, e invita, pertanto, i malati di diabete a documentarsi con maggior chiarezza mettendosi in contatto con l’Associazione Diabetici Provincia di Milano e CLAD – C/o Ospedale Buzzi – Via Castelvetero n.32 – Milano – che spesso tiene dei punti di controllo gratuito della glicemia.

L’iniziativa ha smosso l’apatia dei cittadini che hanno massicciamente partecipato all’evento suscitando l’interesse dei mass media, i quali hanno particolarmente seguito e documentato le manifestazioni, sia quella tenuta a Milano che questa tenuta ad Abbiategrasso, perciò le Associazioni sono già motivate a pensare alla realizzazione della prossima campagna!

La presidente Maria Luigia Mottes ed il vice Presidente Matteo Pirro dell’Associazione Diabetici della Provincia di Milano, ringraziano i collaboratori medici che hanno dato gratuitamente la loro professionalità e reso possibile le manifestazioni. Infatti, il successo è stato raggiunto grazie all’entusiasmo, alla professionalità, allo spirito volontaristico ed alle sinergie messe in atto dalle organizzazioni dei MEDICI DIABETOLOGI – AMD Lombardia, del GRUPPO DEL PIEDE, delle ASSOCIAZIONI DIABETICI: Amici del Diabetico, Associazioni Diabetici della Provincia di Milano, Associazione Aiuto Giovani Diabetici, Sostegno 70, degli infermieri, dei Podologi, dei Tecnici ortopedici, nonché ai sostenitori delle Associazioni Diabetici, ma anche alle aziende farmaceutiche che, gratuitamente, hanno fornito i presidi indispensabili allo screening.

Un ulteriore e sentito grazie, la Mottes ed il Pirro, lo estendono alla Regione Lombardia-Patronato, al Comune di Milano, alla Consigliera del Comune di Milano Laura Molteni ed al simpatico Senatore Franco Servello che si sono fattivamente prodigati per la realizzazione e la buona riuscita delle manifestazioni.

Inoltre, se si desidera conoscere meglio i punti di controllo gratuito della glicemia e l’utilizzo dell’autocontrollo domiciliare del diabete, nonché i diritti previsti dalla legislazione per i diabetici, rivolgersi all’Associazione Diabetici della Provincia di Milano e CLAD – c/o Ospedale Buzzi – Via Castelvetero n.32 - Milano.


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti