Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
12 marzo 2020
IN MERITO ALL'EPISODIO DELLA CONVERSAZIONE REGISTRATA DEL VICE-SINDACO CAVAZZA
COMUNICATO STAMPA DI ARTICOLO UNO MODENA CITTA' E SINISTRA PER MODENA IN MERITO ALL'EPISODIO DELLA CONVERSAZIONE REGISTRATA DEL VICE-SINDACO CAVAZZA
 

Abbiamo appreso, via stampa e per un apparente maldestro uso della tecnologia, che l'assessore e vice-sindaco del Comune di Modena Gianpietro Cavazza avrebbe espresso commenti sull'aspetto fisico di due colleghe di giunta in una conversazione privata.
Non siamo usi a commentare conversazioni private registrate involontariamente o voci che si rincorrono in tempi normali, figuriamoci in questi giorni drammatici in cui l'amministrazione è impegnata a limitare la diffusione del Coronavirus che ci preoccupa tutti prima di tutto come cittadini e cittadine (ne approfittiamo per lanciare anche noi l'appello #restiamoacasa) ma il tema, quello del sessismo, ci costringe a violare questa regola.
Articolo UNO città di Modena e Sinistra per Modena esprimono una seria condanna in merito alle riportate battute sessiste espresse dall'Assessore Cavazza e totale solidarietà e vicinanza alle assessore.
Chi ricopre cariche istituzionali deve avere la consapevolezza di essere una figura pubblica e non può lasciarsi andare a sgradevoli commenti riguardo alle persone, men che meno a battute sessiste legate al corpo delle donne. Chi ricopre cariche istituzionali non può non essere consapevole della sottile linea di continuità che corre tra una becera diffusa cultura machista, quella degli apprezzamenti estetici, sino alle terribili vicende di violenza che troppo spesso ci tocca commentare o, drammaticamente, piangere. Non ammettere che espressioni di quel tipo, che vengono da una figura istituzionale, sono un fatto estremamente negativo non ne depotenzia la perniciosità.
Per noi l'episodio presenta un profilo non archiviabile nella categoria "battute senza cattiveria" e, quindi, non abbiamo alcuna intenzione di liquidarlo in fretta. Passata la battaglia per l'emergenza Coronavirus, che vede l'impegno totale anche della nostra istituzione locale, dovremo, senza sconti, alla radice, affrontare le ragioni per cui possano accadere simili inaccettabili episodi.


Commenti
Non ci sono commenti.