Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Ambiente - 01 gennaio 2011
"Non vorrete che diventiamo come Napoli?".

E' ancora cronaca di questi giorni ma ormai è chiaro che il problema è la volonta' politica. Chissa' se smetteranno a Modena di fare terrorismo e a citare la situazione di Napoli per giustificare e mitizzare l'inceneritore come risposta unica dei problemi? Da anni sento sempre la solita frase: "Non vorrete che diventiamo come Napoli"?

La raccolta differenziata in Campania è possibile e in alcune realtà produce dei risultati sorprendenti e inaspettati rispetto alle cronache di quotidiana emergenza: lo dicono le rilevazioni sul campo di Wwf ed una video inchiesta sul ‘porta a porta’ in 7 quartieri del Comune di Napoli che coinvolge 130.000 abitanti, pari al 13% della popolazione partenopea.

Questi cittadini ‘Campioni’ di differenziata hanno ‘risparmiato’ alla discarica ben il 66,09% dei rifiuti prodotti consentendo di recuperare la materia e riducendo il fabbisogno di discariche. Il Wwf sottolinea che «sono bastati due anni di lavoro, comunicazione e sensibilizzazione con operatori dedicati nell'attività ‘pilota’ per dimostrare come i cittadini napoletani superino in efficienza i propri amministratori che finora, al contrario, li hanno condannati all'emergenza cronica».

I quartieri coinvolti sono Bagnoli, Ponticelli, Centro Direzionale, Chiaiano, Colli Aminei, San Giovanni a Teduccio, Rione Alto. Bagnoli con i suoi 19.236 abitanti è il quartiere più virtuoso della città con il 91,11% di raccolta differenziata (su 3.519 tonnellate di rifiuti prodotti da gennaio a settembre 2010 ben 3.206 non vanno in discarica). Seguono il Centro direzionale con l'84,25% per 2.349 abitanti, Chiaiano con 72,63% per 24.860 abitanti, ecc.

 

Parlando con i cittadini ormai e' chiaro che il porta a porta e' possibile. Leggete il WWF e vedete qui:

http://www.youtube.com/watch?v=Nl3qN1KKkP8

http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?root=26737&content=1

 

E intanto continuiamo a togliere investimenti in questo senso, anche se hanno gia’ dato risultati.

L’ultimo noto è il Comune di Formigine: la multiutility decide cosa fare sulla gestione dei rifiuti, dice che il porta porta e’ troppo costoso, quindi si abbandona, film gia’ visto anche nella frazione di Albareto di Modena. A favore del termovalorizzatore. Ma Napoli non c’entra.

 


Commenti
Non ci sono commenti.