Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
14 febbraio 2021
SAN VALENTINO AL RISTORANTE, IL BILANCIO DEL CONSORZIO

 

Per la festa degli innamorati tutto esaurito nei locali di Modena a Tavola

Tante coppie, ma non solo. Emerge la voglia di tornare a mangiar fuori. E alla Trattoria Entrà di Finale alle signore offrono anche una rosa freschissima.

 

Finalmente i ristoratori tornano a sorridere, almeno per mezza giornata. Da Sestola a Finale, da Carpi a Castelfranco da Formigine a Modena, i locali aderenti al Consorzio Modena a Tavola hanno registrato il tutto esaurito. Un sold out ampiamente preannunciato tanto che alcuni, come ad esempio Antonio Previdi che gestisce la Trattoria Entrà di Finale Emilia e Lorenzo Rossetto del Maneggio di Fanano, hanno dovuto chiudere le prenotazioni già dieci giorni fa.

Diverse le scelte effettuate dagli chef: c’è chi, come La Quercia di Rosa di Modena, gestita dalla famiglia Fini, ha scelto un menù dedicato alla festa degli innamorati, mentre altri, hanno preferito rimanere fedeli alla tradizione e proporre i propri cavalli di battaglia, come la Trattoria La Busa di Spilamberto di Simone Guerri e il Luppolo e L’Uva, gestito dallo chef Stefano Corghi che, tra l’altro, è presidente del Consorzio Modena a Tavola.

Chi ha optato per un menù targato San Valentino ha dato grande spazio al pesce e ai crostacei, non rinunciando, per alcuni piatti particolarmente ricercati, anche una spolverata di tartufo. Al Ristorante Anna dello chef Emilio Barbieri, per accontentare tutti c’erano due proposte, una a base di pesce e una a base di carne.

Nella maggior parte dei casi la clientela era formata da coppie di ogni età, ma in questa occasione non sono mancati famiglie e piccoli gruppi che hanno voluto godersi un pranzo al ristorante.

Tutti i locali, sia pure in percentuali diverse, hanno comunque ridotto il numero di coperti per rispettare le regole anti contagio. Chi ha locali più ampi è riuscito a perdere solo il 10% dei posti, ma non mancano casi in cui la percentuale sale al 40%.

A provare a far sintesi degli umori della categoria è Stefano Corghi, chef del Luppolo e l’uva e presidente del ristorante modenese: “Oggi è sicuramente una giornata positiva, sia perché, pur con i limiti imposti dalla pandemia, rivediamo i nostri locali pieni, sia perché torniamo a fare il nostro lavoro che è anche la nostra grande passione. Attenzione però a dare giudizi frettolosi. Non dimentichiamo che la sera i locali non possono aprire e che per tutto il mese di dicembre, in genere il più importante dell’anno, siamo stati chiusi. In altre parole, lo stato di emergenza per i ristoratori c’è ancora e servono aiuti mirati, concreti e rapidi se vogliamo evitare che molti di noi siano costretti alla chiusura.”

 

 

Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti