Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
Politica locale e nazionale - 03 giugno 2011
Lectio Magistralis di Giuliano Amato. Non ci andrò

le Cassandre che chiedono di abbassare le pensioni degli altri mentre si dimenticano delle proprie non mi piacciono...

 

Oggi riceviamo “in pompa magna” Giuliano Amato, già Presidente del Consiglio, già “dottor Sottile” di Craxi, già molte cose, oggi Presidente del Comitato per le Celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia.

Non andrò a sentire la sua Lectio Magistralis perchè ritengo che oltre alle competenze per poter “insegnare” sarebbe bene anche avere un autorevolezza morale che molti non sanno se appartiene a quell’Amato che in molteplici dichiarazioni ed interventi ha premuto, negli anni, affinchè le pensioni italiane fossero quello che sono: spesso una miseria.

In un suo saggio “Il gioco delle pensioni” invitò tutti a “rinunciare all’egoismo affermando che anche se sembrava un atto di fede un tentativo per riformare le pensioni poteva ed andava fatto”; non andrò a sentirlo altrimenti dovrei anche pensare alla “sua” pensione: come leggo dal libro di Mario Giordano “Sanguisughe” il prof.Amato mentre si preoccupava di tagliare le pensioni degli italiani trascurava le proprie tanto è vero che oggi, sommandole, ogni 27 del mese, prende 31.411 euro di pensione, 1.047 euro al giorno. Alla faccia dei tagli, dei cumuli e delle pensioni a 70 anni...

Nella sua lotta per innalzare l’età pensionabile si è dimenticato di guardarsi in casa visto che la sua prima pensione è scattata a 59 anni con 12.518 euro al mese netti. Poi ci sono altri incarichi, consulenze e cose simili che credo non siano a titolo gratuito ed innalzeranno il suo “misero” reddito.

Nell’intervento di oggi spero che Amato non parli di Valori e di egoismi altrimenti potrei rileggere Mario Giordano che chiude il suo “ritratto” affermando: “come fa a prendersela con la voracità dei vecchi quando da vecchio incassa voracemente vitalizi d’oro? Come fa ad attaccare l’altrui egoismo mentre prospera con i soldi dell’altrui previdenza?Per favore: la prossima volta che Amato interviene sull’egoismo, qualcuno, con gentilezza, potrebbe fargli una pernacchia?”

Starò a casa dispiacendomi che oggi a Modena, una delle Patrie del Tricolore, a rappresentare l’Unità d’Italia vi sia chi è più bravo a tagliare le pensioni di chi a stento arriva a fine mese che i propri lauti compensi ottenuti battendo, secondo le convenienze politiche, un colpo a Destra e un colpo a Sinistra.

 


Commenti
Non ci sono commenti.