Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
29 marzo 2021
"Bilancio Modena, altro che tributi invariati: da Imu e Irpef un aumento di 6 milioni di euro"

 

 

"Il bilancio di previsione del Comune di Modena non prevede, come sostiene la giunta, tributi invariati e costi dei servizi invariati; quest'anno infatti scatterà un netto aggravio tributario. Le entrate tributarie previste per il 2021 aumentano complessivamente di circa 6 milioni di euro rispetto al 2019, un incremento derivato da 3,2 milioni di maggior gettito dell’addizionale Irpef e da 2,7 milioni di Imu e tassa unica sulla casa. In altre parole: l’aumento dell’addizionale comunale all’Irpef deliberato lo scorso anno e che avevamo tentato di fermare come opposizioni quest’anno graverà in maniera significativa sui modenesi". A parlare è il capogruppo di Fdi-Popolo della Famiglia Elisa Rossini.
"Facendo un raffronto tra il dato delle entrate per imposte e tasse indicate nel bilancio di previsione 2021 e l’assestato 2020 e il consuntivo 2019, troviamo un consistente incremento della imposizione. Il totale delle entrate tributarie nel 2020 è pari a 142.802.405 euro per passare nella previsione 2021 a 146.254.372 euro - spiega Elisa Rossini -. Il dato del 2020 in parte può essere dovuto alle problematiche connesse all’incasso dei tributi derivanti dall’emergenza sanitaria, ma se paragoniamo il dato del bilancio di previsione 2021 al totale delle entrate tributarie del 2019, l’incremento risulta comunque, considerando che le entrate tributarie consuntivate nel 2019 ammontano a 145.054.593 euro. L’incremento però è ancora più significativo se si considera che dal primo gennaio 2021 sono abrogate entrate tributarie relative a Tosap, imposta di pubblicità e pubbliche affissioni che sono state sostituite dal canone unico patrimoniale che è rilevato tra le entrate extratributarie. In sostanza, le entrate tributarie (passi carrabili, pubbliche affissioni, imposta di pubblicità, Tosap), pari a 5,3 milioni, diventano dal 2021 entrate extratributarie e sono indicate di identico importo: 5,3 milioni circa per il 2020 e 5,3 milioni circa previste per il 2021. Questo fa sì, come detto, che le entrate tributarie previste per il 2021 aumentino complessivamente di oltre 6 milioni di euro. Un balzo non ammesso dalla amministrazione, ma indispensabile per mantenere i conti in ordine? Niente affatto: il risultato di amministrazione presunto al 31 dicembre 2020 prevede infatti un avanzo disponibile di 5 milioni di euro che, se confermato, potrebbe essere utilizzato per ridurre l’addizionale comunale all’Irpef e riportarla almeno alle aliquote antecedenti l’aumento deliberato nel bilancio di previsione 2020 andando incontro alle famiglie messe in ginocchio dalla pandemia. Non solo, abbiamo letto che il sindaco ha scritto al Presidente del Consiglio chiedendo risorse per abbattere Tari. Siamo convinti che se il Presidente Draghi fosse qui oggi risponderebbe al sindaco che la Tari la può abbattere anche senza attendere le risorse dal governo centrale, cosa che come opposizioni chiediamo da mesi".


Commenti
Non ci sono commenti.