Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
18 marzo 2020
Agricoltura. Aziende colpite da cimice asiatica e coronavirus, Lega: servono risorse nazionali ed europee



L'interrogazione è stata presentata da Bargi, Facci, Marchetti, Pelloni, Borgonzoni e Stragliati: "Fondi ministeriali insufficienti"
 

La Regione si attivi a livello nazionale ed europeo perché siano stanziate tutte le risorse necessarie per gli agricoltori colpiti dalla cimice asiatica e oggi anche dall'emergenza coronavirus. Lo chiede un'interrogazione di Stafano Bargi, Michele Facci, Daniele Marchetti, Simone Pelloni, Lucia Borgonzoni e Valentina Stragliati della Lega. "Gli stanziamenti annunciati dal Ministero risultano decisamente insufficienti rispetto ai danni reali subiti dagli agricoltori e l'emergenza dovuta al diffondersi del Covid-19 ha ulteriormente aggravato le difficoltà delle aziende agricole del nostro territorio", scrivono i consiglieri del Carroccio, che portano l'attenzione anche sugli interventi europei.

"La Commissione europea, infatti, già dall’ottobre 2019 ha manifestato la disponibilità a prendere in considerazione i problemi dei frutticoltori italiani, senza tuttavia dare seguito a tale promessa e senza adottare le misure di emergenza necessarie per risolvere i problemi specifici. Perché la Regione non si è ancora attivata con l'Unione europea per l'attivazione di questo meccanismo?" si domandano i consiglieri. Inoltre, i leghisti ricordano che i danni stimati dagli agricoltori a causa della cimice asiatica ammontano a oltre 750milioni di euro. In particolare, i danni alle aziende agricole dell’Emilia-Romagna sono stimati tra il 50% e l'80% sui costi di produzione, con perdita per il 2020 di 3 mila ettari di frutteto e di 270 mila giornate lavorative. "Oltre ad essere economicamente insufficienti, gli aiuti annunciati tramite il Fondo di solidarietà nazionale risultano essere anche macchinosi e discriminanti, in quanto degli 80milioni promessi solo 40milioni verranno utilizzati il primo anno, di cui 10-15 milioni saranno destinati alla ricerca e il resto per il ristoro danni alle aziende frutticole del nord Italia".

(Giulia Paltrinieri)

 


Commenti
Non ci sono commenti.