Pubblicità su Bice
FacebbokStampaEmailRiduci caratteriDimensione di partenza dei caratteriIngrandisci caratteri
18 settembre 2020
Vignola, Ghiaroni “Ma Pasini, con la lettera ai vignolesi, ci è o ci fa?

 

Nota del segretario del Pd di Vignola Andrea Ghiaroni sulla lettera di Angelo Pasini

 

 

Il segretario del Circolo Pd di Vignola Andrea Ghiaroni risponde ai commenti contenuti nella lettera che il candidato di centrodestra Angelo Pasini ha consegnato oggi nelle case dei vignolesi:

 

 

“Come tutti i vignolesi ho ricevuto stamane a casa la lettera inviata dal candidato sindaco del centrodestra Angelo Pasini con il suo appello al voto. Del tutto normale in campagna elettorale. Meno consueto è il modo in cui Pasini attacca il Pd e la candidata sindaco che il Pd sostiene, insieme ad altre quattro liste della coalizione di centrosinistra: la nostra Emilia Muratori. Intanto Emilia Muratori viene definita “sfuggevole”. Ma scusate, la lettera arriva a casa dei vignolesi all’indomani di un faccia a faccia avvenuto in piscina, seguito da un folto pubblico in presenza e anche online sulla pagina Fb dell’associazione che l’ha organizzato. Non solo Emilia Muratori non è stata per nulla “sfuggevole”, anzi è stata particolarmente incalzante quando ha ricordato a Pasini l’aumento dell’Irpef deciso dalla Giunta di cui lui ha fatto parte o la diminuzione delle ore di educazione per gli alunni con disabilità, o ancora quando ha chiesto esattamente cosa vorrà in cambio un privato per investire ben otto milioni di euro nel faraonico progetto della nuova stazione dei treni. Sorvolo sul trito ritornello della egemonia rossa, del partito da sessant’anni al potere etc. Immagino voglia far leva su qualche nostalgico, anche se visto che al governo locale, negli ultimi tre anni, c’era lui, dovrebbe essere lui a rispondere delle cose solo annunciate e mai fatte. Ma tant’è… Pasini poi ironizza sulla coalizione di centrosinistra e civica, chiedendosi quanti candidati a sindaco mette insieme. Scusi Pasini, ma ci è o ci fa? Il capolista della Lega Simone Pelloni era fino alla fine di gennaio il sindaco di Vignola, l’ha lasciata per sedere su una più comoda poltrona in Regione, e ora, dopo averci ripensato, prova a tenere un piede di qua e un piede di là, tra Bologna e Vignola, e lei sta a commentare in casa d’altri?”

 

 


Commenti
Non ci sono commenti.
Ultimi articoli in Agorà
Cerca Tutti